top of page

Il fascino dell’archeologia ferroviaria

 

La funicolare abbandonata;


nel 1907 all’epoca della Belle Epoque con finanziamento della società di navigazione e ferrovie del lago di Lugano si inaugurava la funicolare che collegava Lanzo d’Intelvi da Santa Margherita sulla sponda del lago.


Due vetture in legno da 32 posti a sedere divise in 1a e 2a classe offrivano ai turisti, lungo la salita di 600mt, un panorama splendido sul lago Ceresio e le Alpi.
La funicolare cessò di funzionare nel 1977.

L’attività molitoria in Ticino

 

Prima dell’avvento dell’elettricità esistevano in Ticino un centinaio di mulini idraulici per la macina di cereali.


Oggi, di queste testimonianze storiche preindustriali ne rimangono pochi esemplari, alcuni versano in stato di abbandono ma altri, grazie alla sensibilità e all’interesse di associazioni, sono stati restaurati e resi funzionanti.


Stimolato dal fascino di queste opere e dalla loro storia ho voluto intraprendere un viaggio alla loro ricerca recandomi sui luoghi per realizzare una serie di disegni.


I mulini di Bruzzella e di Ghitello lungo il fiume della Breggia, in val Onsernone I mulini di Loco e di Vergeletto , ma anche il maglio del Malcantone costruito per lavorare il ferro.

Liberarsi con lo schizzo

Liberarsi con lo schizzo
attività molitoria

 

Tante, tante righe,

questo è lo schizzo, l’intensità di uno schizzo rapidamente eseguito non deve essere inteso come un lavoro finito.

Gli schizzi hanno tante linee, mancano di dettagli, è un disegno schematico eseguito di getto a mano libera, le righe sbagliate mi aiutano nel confronto, senza fare uso della gomma, aggiusto aggiungendo altre righe.

Eseguire gli schizzi con un pennarello ci evita di ricorrere a cancellature, e non giudicare lo schizzo per non aver fatto una cosa proprio soddisfacente.

Liberarsi schizzando è molto efficace per indagare il soggetto rappresentato, paesaggi, oggetti o persone e per esercitare proporzioni e prospettive, tecnica molto utile per realizzare i vostri taccuini di viaggio.

Via Francigena

Via Francigena

Giugno 2019 passo dopo passo a piedi lungo la via Francigena un’antica via che da Canterbury conduceva pellegrini, mercanti e schiere di crociati fino a Roma.

Noi, amanti dei cammini, ne percorriamo un breve tratto partendo da Siena attraversando la Val d'Orcia e la Tuscia Viterbese, lo spirito e il fascino è quello di sempre quando si viaggia camminando, lentamente esploriamo questa antica via attraversano borghi medievali, colline coltivate, pievi romane calpestando antichi tratti della via Cassia in basolato senza disdegnare un bicchiere di Brunello di Montalcino quando attraversiamo l'omonima regione.

Camminare con uno zaino in spalla ogni grammo di peso in meno conta, perciò, anche il materiale del Carnet de voyage si deve ridurre al minimo: un Moleskine schizzi tascabile di dimensione 14x9 cm, due penne china tipo Micron e una penna china Pentel Japan.

Cambogia

Cambogia

 

"Un viaggio è una specie di porta

attraverso la quale si esce dalla

realtà conosciuta per penetrare in

una realtà inesplorata che sembra

un sogno" Guy de Maupassant

Ecco il sentimento che ho provato con questo viaggio in Cambogia nel luglio del 2018, un sogno che avevo sin da bambino quando le mie avventure le vivevo immerso fra le immagini di un librone con tante belle fotografie dal titolo "Angkor".